La cultura olistica del benessere e della bellezza.

Quando una cara amica mi consigliò questa lettura, raccolsi tra le mani quel suo libro con un po’ di scetticismo. A sua volta, lei aveva scoperto questa professionista tramite un’amica fidata che le aveva suggerito una visita a Gorizia, al centro “Eclisia Wellness spa”, dove avrebbe potuto beneficiare di ottime cure e forse risolvere i problemi di tutta la famiglia.

651_5872856568333953578_n


In anni di prorompente guerrilla-marketing credere ciecamente a tutto quello che ci propinano è molto difficile, ma ci sono alcuni segnali che permettono di distinguere l’approssimazione dalla professionalità formativa, quella fatta nel tempo con passione. Ho quindi accettato il libro in lettura e l’ho infilato in borsa. Una volta a casa l’ho depositato sopra una pila di altre pubblicazioni: se e quando fosse venuto il momento di leggerlo non spettava a me deciderlo, me l’avrebbe detto lui stesso. (I libri, si sa, ci chiamano).
E così fu.

Pochissimo tempo dopo mi capitò uno tsunami a ciel sereno e quindi mi trovai, senza neppure pensarci molto, il libro tra le mani. È un libro autoprodotto di 220 pagine, (lo trovate direttamente al centro “Eclisia Wellness spadi Gorizia) ed è suddiviso in varie tappe, come un “viaggio esperenziale”. Devo dire che ho iniziato questa lettura con un senso di vaga distrazione, volevo qualcosa che mi consolasse, ma non ero certa se e come questa cosa sarebbe avvenuta. Invece, già dall’introduzione, si è innescata una atmosfera di fiducia che si è via via consolidata.
C’era una naturale scorrevolezza tra quelle righe che riusciva a sciogliere le mie remore nei confronti dei “guaritori” e addirittura mi convinceva.
Il racconto in sé parte dall’infanzia dell’autrice, nell’atmosfera semplice e provinciale che ricorda quella di ognuno di noi e che prosegue snocciolando i dubbi, le attitudini, gli ostacoli e i richiami che ci inducono a seguire la strada che sentiamo più consona.
Ci sono argomenti, come le relazioni tra le emozioni e la funzionalità organica, che sono davvero coinvolgenti. Quanto le varie forme di stress possano modificare il tessuto connettivo, fino a dare origine a forme di scompenso, è una cosa che sperimentiamo il più delle volte senza averne una coscienza effettiva. Percepiamo un disturbo che diventa sempre più fastidioso fin quasi a cronicizzarsi e pensiamo «Vabbè, sarà la mia predisposizione» o «Forse saranno i miei geni…» e invece sono somatizzazioni di tipo viscero-cutaneo che si stanno instaurando nei tessuti più profondi.spazio-foto-hrovatin

Le considerazioni personali dopo la lettura di questo libro sono positive, non ho riscontrato alcuna induzione e tentativo di seduzione alla disciplina, ma una umiltà e una onestà piuttosto rare, abbinate a un percepibile entusiasmo e quel tipo di appagamento che porta a crescere, scoprire, imparare. Insomma, in opposizione alla conformazione standard. Nessun “diritto acquisito sulla conoscenza” dunque, ma tutto in continua evoluzione.
La cosa interessante è stata farmi accompagnare all’interno di argomenti sconosciuti come l’aquabalancing, i campi energetici, le tipologie caratteriali (schizoide, orale, masochista, psicopatico, rigido) e le varie tecniche illustrate in modo spontaneo e chiaro. La capacità descrittiva rende quasi percettive a livello sensoriale le parole.
Mi piace che Lucia Hrovatin affermi che: «Spesso l’organismo non è pronto a trarre completamente dalle tecniche corporee di tipo energetico il beneficio che esse sono in grado di apportare: troppe barriere nella struttura fisica (tensioni) ostacolano il libero fluire delle energie e pertanto, senza prima rimuovere questi ostacoli, si rischia di non ottenere il risultato atteso o ancora peggio lo stimolo potrebbe risultare troppo invasivo, quasi un’aggressione e ripercuotersi negativamente».  «Personalmente credo che poiché tutto l’universo, uomo compreso, sottostà a determinati ritmi, questi debbano essere rispettati. Il corpo impiega anni prima che una tensione si cronicizzi a tal punto da dover essere sciolta da mani esperte e nel frattempo l’organismo intero, psiche compresa, si è adeguato per compensare».

893577_642411719142329_1110212219_o

L’esperienza che Lucia Hrovatin mi ha trasmesso con il suo libro è paragonabile a un lungo viaggio. Il giovamento che hanno sortito le sue parole su di me è stato notevole, ma ho potuto notare anche i risultati sulle persone che si affidano ai suoi trattamenti. Per chi volesse conoscere maggiori dettagli sulle biodiscipline e sui metodi applicati da Lucia Hrovatin presso la sua struttura, qui sotto troverà le informazioni di contatto.

ECLISIA WELLNESS SPA
Via Marconi 13
34170 Gorizia GO
TEL. 0481 530377 – Email: infoeclisia@libero.it

Un articolo su Eclisia SPA nel quotidiano “Il Piccolo” di Trieste (leggi)

Testo di Laura Battistella – Immagini di proprietà di Eclisia Wellness SPA

Commenti

commenti

Lascia un commento