COSA TI FACCIO CON L’AVENA

Se pensate che io appartenga alla categoria delle salutiste avete sbagliato registro. Scelgo di mangiare le cose “che fanno bene” principalmente in due casi: 1° Perché mi piacciono – 2° Perché devo. “Devo” in quanto intollerante in progress di una infinità di cose. È anche vero che non necessariamente mi piacciono solo cose proibite, apprezzo molti alimenti basici come l’avena per esempio, e senza nemmeno soffrire di celiachia.

Una delle mie sperimentazioni preferite è stato preparare il pane all’avena integrale, che tra l’altro mi è riuscito anche facilmente. Se volete provarci vi allego la ricetta:

Pane all’Avena integrale

250 gr di farina di avena integrale
150 gr di farina 0
100 gr di pasta madre
2 cucchiaini di malto d’orzo
un pizzico di sale
350 gr di acqua

Preparazione:
In una ciotola mescolo la pasta madre con l’acqua, girando con una forchetta e aggiungendo anche il malto d’orzo, le due farine e il sale. Lavoro bene l’impasto e quando è ben legato lo metto sulla spianatoia infarinata, poi lo copro e lo lascio riposare 1 ora.
Trascorso il tempo stabilito, lo piego un po’ di volte e gli dò la forma desiderata (in questo caso ho creato dei panetti a forma di foglia usando un coltello). Faccio lievitare per circa 6 ore, nel forno spento. Appena la lievitazione è conclusa accendo il forno a 220 gradi, quando è ben caldo inforno il pane e dopo dieci minuti abbasso a 200 gradi per circa 30 minuti. Il risultato è una bella sfornata di panetti caldi e fragranti.

Devo dire che la parte del leone l’ha fatta la pasta madre (me l’ha fornita un’amica), ma una volta che se ne possiede un pezzetto basta “coltivarla”, se volete fare le cose per bene vi indirizzo dagli espertoni di Giallo Zafferano, per imparare come si fa.

Con la stessa farina d’avena ho realizzato anche una simpatica focaccina con le mele, ma come spesso mi succede l’ho preparata a occhio quindi per oggi mi limito a postare queste due immagini.

Grazie per aver partecipato alla lettura, e fatemi conoscere anche i vostri segreti per fare il pane… Ciao, alla prossima!

Commenti

commenti

Lascia un commento