VEDERE

cosa vedere a pordenone e dintorni
Tradizioni, cultura, natura

Cominciamo dalle tradizioni. Mi piacciono molto le rievocazioni storiche: la Giostra dei Castelli di Torre la conosco bene, perché in questo quartiere ci sono nata, una parte della mia famiglia è vissuta proprio nella Bastia dei Conti di Ragogna. C’erano delle leggende incredibili intorno alle segrete del castello e da bambini scendevamo in bande per fare scorrerie nelle risorgive selvagge e misteriose!

Ora è tutto ripulito e organizzato: il castello del sec. XIII (ora Museo Archeologico) è visitabile nei fine settimana e dai camminamenti si possono ammirare i numerosi reperti, dal Paleolitico alla Romanizzazione, compresa l’attigua villa romana. Eh sì: quando Pordenone ancora non c’era, a Torre si è fatta la Storia! C’è da segnalare il Museo dell’Immaginario Scientifico, un luogo di sperimentazione diretta, ricavato dalle vecchie strutture dell’ex Cotonificio attiguo al castello.

VALVASONE è un borgo intatto e meraviglioso a pochi chilometri da Pordenone, che merita una visita. Si presta in maniera straordinaria all’annuale rievocazione storica, in particolare per la sua distintiva organizzazione architettonica. Partecipare alla rievocazione di settembre è un vero tuffo nel passato: 20 compagnie teatrali nelle strade, più di mille figuranti e quarantamila visitatori per una festa che dura tre giorni, durante i quali si danza, si parla, si lavora, ci si veste, si mangia, si tengono sfide con l’arco e la balestra come veri medievali. Ecco qui un video che lo attesta. VIDEO

Nel Parco Naturale delle Dolomiti Friulane si trova Andreis, è un paesino delizioso, caratterizzato dalle sue terrazze di legno. Dal punto di vista istruttivo è il luogo ideale per una visita didattica con i bambini: oltre a un museo dell’Arte e della Civiltà Contadina molto curato vi si trova il centro di recupero dell’avifauna ferita, dove si possono vedere da vicino i rapaci ricoverati. Andreis offre molte opportunità anche per gli amanti dello sport naturalistico. Ho avuto modo di collaborare alla realizzazione di una guida turistica molto dettagliata per il suo Comune, chi volesse può scaricare il capitolo dedicato ai percorsi “NORDIC-LIFE-PARK” in PDF cliccando QUI: NORDIC

Tra la foresta del Prescudin e la Riserva naturale del Cellina, troviamo BARCIS, con il suo lago verde smeraldo. Frequentatissimo d’estate, Barcis è un paradiso per gli sportivi di ogni genere, pur conservando intatta quella riservatezza che lo mantiene lontano dal commercio puramente turistico. Il suo fascino un po’ ombroso è dato dalla vecchia diga del Cellina, che ha permesso la formazione del lago artificiale e ospita una gara internazionale di motonautica. Tutto intorno è una profusione di boschi verdi e di torrenti impetuosi, di passeggiate e di sentieri. I due ponti principali permettono di ammirare il lago da ogni sponda.


Vuoi segnalare IN CAFECoworking qualche posto interessante della nostra provincia? Usa il modulo di contatto: con i tuoi consigli possiamo CREARE UNA scheda per promuoverlo!