Scrivi che ti passa…

Pordenonelegge 2017 spegne i riflettori su questa edizione appena disturbata da un meteo tutto sommato generoso, rispetto le altre manifestazioni concomitanti in regione.

Per una serie di impegni che mi hanno vista scorrazzare auto&treno nel triveneto, non ho potuto godere appieno delle offerte davvero interessanti segnalate nel libretto nero/giallo, anzi – devo essere sincera? Proprio nessuna, ohibò.
Avevo evidenziato crocette sugli appuntamenti di scienza-filosofia-storia, e quelli di arte-e-architettura, mettendo addirittura tre o quattro grossi asterischi per la tematica “nel nostro tempo” (ammetto: trascurando sia “letteratura” che “poesia”) e invece niente, persi tutti. Continua a leggere

PRENDIAMOCI IL TEMPO e parliamo di…

img163Nel giorno della Prima al teatro alla Scala, il gruppo di lettura “prendiamoci il tempo” non poteva perdere l’occasione di ricordare la tradizione che dal 1951 si rinnova ogni anno a Sant’Ambrogio. Abbiamo parlato delle più belle prime che hanno fatto la storia del Teatro che il mondo ci invidia, dei direttori musicali da Claudio Abbado a Riccardo Muti fino a Riccardo Chailly che quest’anno dirige Madama Butterfly. Continua a leggere

Prendiamoci il tempo

Gruppi di lettura in provincia di Pordenone

img163

“Prendiamoci il tempo” Si chiama così il gruppo di lettura che da poche settimane si dà appuntamento all’ora del tè a Pescincanna, una frazione del comune di Fiume Veneto, che si trova a nord-est del capoluogo. È un posto che svela sorprese questo paesetto ricco d’acque, dalle quali deriva il suo nome un po’ bizzarro. D’estate offre una campagna frondosa in un ottocentesco borgo rurale (Marzinis) dove fare jogging. Ora è anche una meta interessante per riflettere sulla narrativa e sulla poesia. Continua a leggere

Velocità o lentezza?

autunnoCOS’È MILANO?
Per me è una famiglia di Muggiano e un sentimento estatico. Un legame nato per caso, più saldo di una buona amicizia e più forte di un legame parentale. È il ricordo di certe estati da ragazzina, umide come paludi, le corse in bicicletta a cercare i fontanili tra le corti della Viscona, o una frescura nobile nel silenzio di pietra di Cusago. È la cappa ovattata che si alza con un sole sbiadito sopra la tangenziale, e rimane sospesa fino a sera sul prato che separa Muggiano dal Quartiere degli Olmi. È quel raro nitore abbagliante che talvolta sorprende e rivela una corona di montagne che da sempre stavano lì dietro, (ma come? e prima dov’erano?) Continua a leggere

I LIBRI CHE TRASFORMANO CHI LI SCRIVE, CHI LI LEGGE

Inauguro la nuova rubrica “Letture e commenti” di Cafecoworking, dedicando questa categoria alle storie e ai libri che in qualche modo ci trasformano.

Nessuno possiede la chiave di lettura universale per le questioni del mondo. Anzi, sembra proprio che ognuno affronti lo stesso problema utilizzando metodi totalmente differenti. Trasmettere esperienze, parlando o scrivendo, è il modo più efficace che abbiamo per crescere. La faccenda è sempre la stessa: un disagio fisico o mentale, dovuto al mancato allineamento con noi stessi. Nel mezzo si inserisce la genetica, l’ambiente sociale, la cultura. Questi sei libri ne parlano a loro modo. Continua a leggere

La cultura olistica del benessere e della bellezza.

Quando una cara amica mi consigliò questa lettura, raccolsi tra le mani quel suo libro con un po’ di scetticismo. A sua volta, lei aveva scoperto questa professionista tramite un’amica fidata che le aveva suggerito una visita a Gorizia, al centro “Eclisia Wellness spa”, dove avrebbe potuto beneficiare di ottime cure e forse risolvere i problemi di tutta la famiglia.

651_5872856568333953578_n


In anni di prorompente guerrilla-marketing credere ciecamente a tutto quello che ci propinano è molto difficile, ma ci sono alcuni segnali che permettono di distinguere l’approssimazione dalla professionalità formativa, quella fatta nel tempo con passione. Continua a leggere

Con “PORTO ARLECCHINO” si inaugura una nuova collana.

La casa Editrice Forme LibereGruppo Tangram di Trento, ha inaugurato nel 2015 la nuova collana “Porto Arlecchino” dedicata a saggi e copioni di sperimentazioni teatrali.

Il primo libro dal titolo “Né serva né padrona” di Claudia Contin Arlecchino è stato presentato alla scorsa edizione di Pordenonelegge 2015 e accompagnerà, quest’anno, l’omonimo spettacolo al Teatro Verdi di Pordenone il prossimo venerdì 23 settembre 2016, all’interno del programma del festival L’Arlecchino Errante. Per chi volesse assaggiare i contenuti, può vedere l’intervista video all’autrice-attrice su youtube, al seguente link: “Né serva né padrona” Continua a leggere

LA MIA PRIMA ESPERIENZA SELF-PUBLISHING

retrogialloCOME PUBBLICARE E VENDERE UN LIBRO DA SOLI.

Self-publishing. Vi dice niente? Di solito genera commenti il fatto che in Italia vi siano quasi più autori che lettori (molto vero), o che l’aspirante scrittore abbia fatto il giro delle case editrici più importanti trovando le porte regolarmente chiuse (spesso vero), o – quando gli va bene – che abbia ricevuto una lettera dalla redazione che dice pressapoco così: Continua a leggere