BONJOUR TRISTESSE

«Sono Luca, del gestore telefonico Pinco Pallino, stiamo facendo dei lavori nella vostra via e volevamo proporle…»
«Mi spiace, mi spiace, ho qui delle persone…» Click. 

 

Oddio poteva essere mio figlio, sensi di colpa a mille, ma no dai, è già la quinta telefonata commerciale e non posso farmi carico del mondo ne ho già tante di rogne, sì però, povero ragazzo ci sarà rimasto male, vabbè, tanto mi avrà sicuramente già mandato a quel paese, il training formativo glielo fanno per qualcosa, e poi, se volesse trovare un lavoro più stabile perché non fare il calzolaio? Continua a leggere

I MIGLIOR ANNI

Era stanco di sprecare i migliori anni della sua vita.
Al compimento dei trentatrè ha mollato la sua occupazione (non di turnista siderurgico, ma di giornalista, comunque inchiodato 12 ore davanti a un computer), ha affittato il suo bilocale in città – eredità della nonna – e si è cercato due stanzette e un po’ di orto in un posto sperduto vicino al mare, dove poter vivere con molto meno. Continua a leggere

L’ultima puntata del diario di Sara

Questa è l’ultima puntata del diario di Sara del mese di gennaio, nuda e cruda. Ma non finisce qui, perché la ragazza in questo momento starà già volando altrove… Dove sarà? Questo ce lo racconterà lei, tra un po’. Noi aspettiamo fiduciosi. Buon viaggio.


2-3-4-5-6-7-8-9 Gennaio 2017

I giorni dal 2 al 9 gennaio li ho passati tra lavorare nel locale e finire di visitare l’isola. Qui ho conosciuto persone di ogni tipo, ognuna con una storia e un bagaglio di esperienze uniche, ti confronti e constati che la tua nonostante tutto è forse la meno peggio. Continua a leggere

Sara: ultimo avvistamento…

Leggi le puntate precedenti: →No Jobs

01.01.17
È il 1° di 365 e come di consuetudine sveglia all’alba…

L’alba di un nuovo anno e se è vero il detto che chi ben comincia è a metà dell’opera, oggi sono doppiamente felice visto che è il mio primo giorno di lavoro all’estero. O meglio oggi scendo al Porto per visionare il locale, prendere accordi e capire quali saranno le mie mansioni. Il mio turno sarà 10-17 e la mia divisa da lavoro è pronta nell’armadietto. Alle 11 sono di nuovo libera di programmare le mie prossime ore. Continua a leggere

Sara: risveglio a Lanzarote

Leggi le puntate precedenti: →No Jobs

29.12.16 Ieri sera sono rimasta a dormire a Lanzarote quindi il risveglio è stato un po’ diverso. Il mare da qui non si sente e nemmeno i gabbiani: oggi non c’è vento. Il profumo del caffè che entra da sotto la porta, mi fa venire in mente l’italia e per un attimo mi si ferma il cuore. “No Sara, qui stai bene: cazzo faresti stamattina se eri a casa? Anche se qui sei come un’immigrata comunitaria, almeno non senti il peso delle giornate senza sapere come andranno a finire”. Continua a leggere

Sara: da Fuerteventura a Lanzarote

Leggi le puntate precedenti: →No Jobs

28.12.16 Per paura di non svegliarmi, ho messo ben due sveglie a distanza di mezz’ora l’una dall’altra. Questo viaggio da un’isola all’altra è troppo importante per rischiare di perderlo. Il tempo è da diversi giorni molto incerto, il vento ha fatto svariati danni alle barche ormeggiate in porto e potrebbe capitare che i traghetti non partano per le forti mareggiate. Continua a leggere

Il Diario di Sara: primo giorno di prova

26.12.16 – Leggi le puntate precedenti: →No Jobs

È il giorno della prova. Esco di buonora e faccio colazione. Giorni prima passando in bici intravedo un cartello “Se busca chica” fuori ad un locale del centro, poche ore dopo avevo già consegnato il mio cv alla proprietaria. Mi fanno stare un paio di ore ad osservare come si fa questo mestiere. Dopo di me, si alternarono una serie di ragazze ed alla fine scelsero una di loro. Vabbè, vorrà dire che mi aspetta altro! Continua a leggere