ATELIER DI COSTRUZIONE MASCHERE

COMUNICATO STAMPA

Porto Arlecchino riapre gli Atelier di Costruzione Maschere 2017

Il laboratorio artigianale Porto Arlecchino, fondato a Pordenone da Claudia Contin Arlecchino nel 2007, annuncia la riapertura dell’annuale percorso didattico di costruzione maschere professionali per il teatro, attraverso una serie di Atelier che si terranno a cadenza mensile per tutto il 2017, in vari luoghi della Provincia di Pordenone, in concomitanza con progetti espositivi di arte figurativa.

Il primo appuntamento del percorso didattico è l’Atelier di “Calco in gesso del volto umano” e si terrà nel weekend 27-28-29 gennaio a Sesto al Reghena, nell’antico complesso del Convento in Sylvis, che mette a disposizione il salone convegni per l’allestimento del laboratorio. Una bella sinergia tra gli artisti mascherai di Porto Arlecchino con l’Hotel in Sylvis che ospita nelle proprie grandi sale anche una serie di mostre d’arte grafica e fotografica dal titolo “Ripersonanze”.

Il Comune di Sesto al Reghena patrocina il progetto e si fa intermediario per il coinvolgimento delle scuole elementari, medie e superiori, per visite guidate al laboratorio e alle esposizioni. Il corso Calco in gesso del volto umano prevede diverse opzioni di adesione: è possibile iscriversi come allievi, come modelli o come uditori a seconda dell’esperienza che ciascuno riterrà più adatta alle proprie curiosità ed esigenze formative. Si tratta anche di un’esperienza d’arte e di benessere, attraverso la realizzazione dell’impronta di volti impassibili e rilassati, sotto le esperte mani dei docenti.

Condotto dal noto Maestro Claudia Contin Arlecchino, il progetto sarà coadiuvato da docenti ospiti, assistenti e collaboratori che si sono formati presso il laboratorio di Porto Arlecchino negli ultimi cinque anni, garantendo così diversi contributi sul modo di affrontare le lavorazioni dei diversi materiali e i segreti del mestiere artigiano.

Viene offerta sia l’esperienza passiva per la realizzazione del calco del proprio volto, sia quella attiva per saperlo applicare ad altri. Una collezione di volti e fisionomie è fondamentale per l’artista che vuole studiare le proporzioni e le espressioni delle sue future maschere e sculture espressive. Inoltre, nella cura dei materiali, nei ritmi di esecuzione, negli accorgimenti dei docenti per procurare il rilassamento e la corretta respirazione durante le applicazioni, il laboratorio proposto ha anche una componente di meditazione verso la scoperta di un neutro personale e di una sensibilità propriocettiva del volto e dei suoi micro-movimenti.

Le iscrizioni vengono raccolte presso l’Hotel in Sylvis: insylvis@hotelinsylvis.com che offre anche ospitalità a prezzi accessibilissimi per allievi che vengano da lontano e pacchetti di vacanze-studio nello splendido borgo antico di Sesto al Reghena, definito uno dei più belli d’Italia. Anche nell’ottica di una rivalutazione turistico-culturale della Provincia di Pordenone, il progetto “Ripersonanze” intende proseguire poi fino alla primavera-estate con ulteriori proposte. Per ulteriori informazioni sugli Atelier Maschere di Porto Arlecchino è utile visitare il sito ufficiale www.portoarlecchino.com

(Questo Comunicato stampa è stato curato da Porto Arlecchino©2017, e diffuso su Cafecoworking).

Commenti

commenti

Lascia un commento